L'ortodonzia invisibile

L’ortodonzia invisibile

Tutti desiderano avere un bel sorriso ma molti adulti e adolescenti non vogliono ricorrere al tradizionale apparecchio fisso metallico perché si sentono a disagio e in imbarazzo. Per questo motivo sono sempre di più le persone che oggi ricorrono all’ortodonzia invisibile, vediamo di che cosa si tratta.

Ortodonzia invisibile

Nel corso degli ultimi anni l’ortodonzia si è evoluta molto, mettendo a punto e raffinando apparecchi e tecniche. Tra queste spiccano indubbiamente quelle di ortodonzia invisibile, che viene in aiuto proprio verso quei pazienti che vogliono riallineare i denti senza portare un classico apparecchio fisso. Questa è una premura che riguarda soprattutto i ragazzi e gli adulti, che devono risolvere le cause di malocclusione più disparate come il sovramorso, il morso crociato, aperto o profondo, oppure un semplice problema di affollamento o un diastema. Per risolvere i suddetti problemi la soluzione è ovviamente l’apparecchio ortodontico, ma se non si vuole optare per il modello metallico allora la soluzione è una di quelle proposte dall’ortodonzia invisibile.

Mascherine trasparenti e ortodonzia linguale

Sono sempre di più gli odontoiatri specializzati in ortodonzia invisibile, come il dentista Favero che ormai utilizza con successo tali tecniche su buona parte dei suoi pazienti. A seconda della situazione del singolo soggetto si può optare per due rimedi differenti: le mascherine trasparenti (http://www.ilgiornale.it/news/cronache/mascherine-trasparenti-ecco-lortodonzia-invisibile-1063622.html) o l’apparecchio linguale.
– La mascherina trasparente è un allineatore invisibile che viene costruito su misura per la dentatura del paziente, seguendo un progetto realizzato con un software. Periodicamente la mascherina viene sostituita e ognuna di esse va ad agire su specifici movimenti dei denti progettati in precedenza. I vantaggi degli allineatori trasparenti sono molteplici: oltre a non essere visibili sono molto comodi da indossare e potendoli togliere la pulizia orale è indubbiamente più facile rispetto a quella con un apparecchio tradizionale. Pur essendo removibile, però, è opportuno utilizzare la mascherina per almeno 16/18 ore al giorno affinché i risultati siano garantiti nei tempi ottimali.
L’apparecchio linguale è l’approccio migliore per risolvere le problematiche più complesse per le quali l’allineatore trasparente non è sufficiente. Questa tecnica sfrutta i normali apparecchi fissi metallici ma li colloca sul lato interno dei denti, risultando così invisibili dall’esterno. Fili e brackets sono ormai stati perfezionati e ridotti nelle dimensioni, rendendo così l’apparecchio linguale interno confortevole, non invasivo e non irritante.

L’importanza del sorriso

Avere i denti ben allineati e un sorriso armonioso dona sicurezza in se stessi e previene (o risolve) numerosi problemi. Uno scorretto allineamento dei denti infatti può provocare diverse problematiche fisiche, oltre che a incidere negativamente sull’estetica del sorriso. Con una malocclusione, infatti, si ha una cattiva masticazione che a sua volta può causare difficoltà digestive. Possono poi manifestarsi dolori alla mandibola, al collo, mal di testa, difetti posturali e acufeni, inoltre si è anche maggiormente esposti al rischio di carie e gengiviti, dato che possono esserci delle difficoltà nell’igiene orale.